News

DARIO MUSSO è LIBERO !!!!!!

 

Oggetto : TSO signor Musso Dario Giuseppe, cittadino del Comune di Ravanusa (AG) contenuto per 6 giorni all’ospedale ospedale di Canicattì, reparto psichiatria

 

Alla C.A. del Garante Nazionale dei diritti privati della libertà e ristretti dott. Mauro Palma

Alla C.A. del Garante dei detenuti regione Sicilia  dott. Giovanni Fiandaca

 

Egr. dott. Palma

Egr. dott. Fiandaca

 

Mi chiamo Cristina Paderi, faccio parte dell’Associazione  “Diritti alla Follia”, associazione costituita nel 2018 ed impegnata nel campo dei diritti degli utenti psichiatrici, in particolare di coloro che si trovano in privazione della libertà personale perchè sottoposti a trattamento sanitario obbligatorio.

Vengo subito all’oggetto della mia mail .

Succede a Ravanusa, un comune di 11000 abitanti in provincia di Agrigento : Il giorno 02 di maggio un uomo di 34 anni, Dario Giuseppe Musso viene obbligato, con l’esercizio della forza fisica, ad un trattamento sanitario sul suo corpo e a un internamento coatto nel reparto psichiatrico dell’ospedale di Canicattì.

Motivo del TSO (si evince dall’ordinanza sindacale) : scompenso psichico (punto).

La vicenda indigna  migliaia di persone e in pochi giorni diventa un caso nazionale (ma solo su stampa non mainstream e su social network).

Perchè tanto clamore ? I video relativi alla vicenda  raggiungono migliaia di visualizzazioni, in centinaia si mobilitano sul web, si susseguono trasmissioni televisive, interviste su testate giornalistiche,  radio locali e nazionali . Perchè  ? Che cos’ha di diverso il TSO del signor Musso rispetto a quello di tantissimi altri ?

La risposta è molto semplice : perché sotto gli occhi degli sconcertati spettatori affacciati dai balconi (che per fortuna erano presenti  così da poter riprendere ciò che accadeva), ad essere scaraventato sull’asfalto, ad essere sedato in maniera brutale, ad essere trasportato con la forza in un luogo che lui non aveva scelto (ad opera di forze di polizia e medici),ad essere legato mani e piedi ad un letto PER GIORNI, ad essere sorvegliato , provvisto di  catetere, ad essere imboccato da infermieri, è un uomo e cittadino ritenuto sano di mente.

Il TSO di Dario Musso viene quindi battezzato “TSO di opinione”, dato che prima della sua “cattura” l’uomo manifestava pubblicamente dalla sua auto, megafono alla mano, ed esprimeva chiaramente la sua opinione sull’attuale pandemia da Coronavirus.

L’indignazione collettiva nasce quindi essenzialmente dal fatto che il signor Musso non sarebbe  interessato da patologie psichiatriche, il che equivarrebbe col dire che  tutto ciò sopra descritto potrebbe eventualmente essere “giustificato” nei confronti dei cosiddetti “malati psichiatrici”, senza che nessuno si indigni minimamente.

Tutto questo a mio parere è inaccettabile.

E’ inaccettabile che sia accaduto al signor Musso, che nell’ora in cui vi ho scritto probabilmente si trovava ancora legato mani e piedi ad un letto di ospedale e oggi, 9 maggio, è stato finalmente liberato ; è inaccettabile la lesione della sua dignità personale (forse irreversibile); è inaccettabile la violenza perpetrata nei suoi confronti ; è inaccettabile la violenza che hanno subito tutti coloro che hanno visto  le immagini della “cattura” del signor Musso.

Ma sopratutto, è assolutamente inaccettabile che esattamente la stessa cosa  accada abitualmente a coloro ritenuti insani nella mente senza che  nessuno muova un dito ! Adesso basta tacere, basta negare l’evidenza che è sotto gli occhi di tutti!

 

Attendo cortese riscontro e ringraziandovi per l’attenzione saluto cordialmente

Cristina Paderi

Segretaria Associazione “Diritti alla Follia”

 

09 maggio 2020

Share it on